Se hai vent’anni, resta!

Perché se hai vent’anni hai conosciuto il nostro passato, hai letto la storia su ogni muro degli edifici, sai che ci siamo sempre rialzati anche quando le cose sembravano dover andare male per sempre. Ti dico resta perché essere giovane vuol dire coltivare la speranza. Perché avere vent’anni significa avere in mano le redini del futuro. Perchè avere vent’anni significa … Continua a leggere

The Hunger Games Trilogy : la mia recensione

  In un panorama letterario davvero carente, in un mondo dove Fabio Volo è considerato filosofo ed ogni ragazzina sogna di farsi un vampiro, finalmente un raggio di luce ha squarciato il velo nero che aveva coperto, quasi definitivamente, la mia speranza di leggere qualcosa di buono, prodotto in questo secolo. Scettica lo sono sempre stata, o almeno lo sono … Continua a leggere

Il mio grazie!

Eccomi pronta a scrivere ancora, due giorni dopo aver festeggiato il mio compleanno. Scrivo a tutti, con la speranza di essere chiara e concisa e di farvi arrivare tutto ciò che sento. Allora, come direbbero le nonne:”ne ho finiti 21″ .Qualche decennio fa, solo a questo punto della vita, potevo essere considerata maggiorenne, insomma… ero donna da ieri l’altro per … Continua a leggere

Video dunque sono: addio alla memoria delle nostre emozioni

Chi ha detto che un esame non porta qualcosa di buono? Ecco qua un articolo che ci è stato messo sotto mano, per l’esame, dal professore di Lingua e Linguistica Italiana. Mi trovo d’accordissimo… a breve la mia umile risposta! Video dunque sono: addio alla memoria delle nostre emozioni di GABRIELE ROMAGNOLI per la Repubblica (9 luglio 2013) Il pianista … Continua a leggere

Digressione

kjhkj
Sei figlio degli ultimi giorni di primavera, quando la vita appena nata esplode energicamente nell’estate!
Ed io, figlia dell’inverno, come posso non amarti?

 

 

 

 

Assaggi di..(2)

Il rumore degli zoccoli, che battevano su una strada di ghiaia, rimbombava nella notte. Dei lembi di vestito volteggiavano intorno all’esile figura che conduceva il cavallo, i lunghi capelli ramati le frustravano la faccia con violenza, mentre cavalcava verso est più in fretta che poteva.   Abigail era piegata in avanti, con una mano aveva una presa salda sulle redini … Continua a leggere

La stronza scrive.

Non so come salutarti, se con un semplice “ciao” o un rispettoso “buona sera” , che poi, alla fine, di rispetto non te ne devo neanche un po'; dimmi tu come si saluta qualcuno che ti ha rubato l’adolescenza, qualcuno che ti ha rovinato il mondo intero. Io non lo so. Fa strano vederti sorridere, parlare con altri, persino giocare … Continua a leggere

Assaggi di..

Il canglore metallico dell’elsa risuonò nella valle. La principessa aveva abbandonato le armi. Non voleva più combattere, a vent’ anni era già stanca del mondo. C’era una piccola folla al suo fianco, una manciata di persone dallo sguardo severo e sentenzioso, la guardavano a braccia incrociate. “Che diavolo fai?” le chiese il ragazzo”Perchè non combatti per me?” Abigail si voltò … Continua a leggere

Gesti di piccoli angeli…

Una calda mattina di maggio. E’ uscita prima da scuola per una visita, ed ora attende l’autobus seduta, non tanto elegantemente, su una panchina del Pincio. Il luogo è pieno di gente che attende come lei. Delle cuffie bianche trasportano la musica dal vecchio Ipod alle sue orecchie, i Bon Jovi si stanno scatenando con “Have a Nice Day” e … Continua a leggere

La prima giornata d’estate

Una coperta a fantasia scozzese, di colore verde, è stesa su un prato pieno di margherite. Appollaiata in una posizione bizzarra vi è una ragazza, sulla ventina, tiene tra le mani un libro, non troppo voluminoso, e i suoi occhi scorrono da riga a riga. Qualche volta la bocca si piega in un sorriso, si oserebbe dire che i suoi … Continua a leggere